IOT AGRICOLTURA DI PRECISIONE – agricoltura 4.0

Nel 2050 il fabbisogno di cibo mondiale sarà aumentato del 70% rispetto al 2006. Con l’aumento di periodi di siccità o precipitazioni intense e problemi di disponibilità dei terreni, l’agricoltore si trova spesso nella necessità di stimare l’efficacia di investimenti ex-ante, affidandosi principalmente ad intuito, esperienza e pollice verde. Per questo motivo l’Unione Europea prevede fondi, distribuiti su base regionale, volti a promuovere la sostenibilità ed incisività dell’industria agricola.

L’IoT sta trasformando l’agricoltura fornendo un approccio strategico che permette di prevenire, o nella peggiore delle ipotesi reagire istantaneamente con assoluta efficienza e precisione, agli imprevisti quotidiani, permettendo nel contempo di mantenere una visone dell’insieme di investimenti e processi.

PSG sta sviluppando soluzioni ad hoc per ottimizzare la resa e sostenibilità dell’agricoltura. Grazie ad una rete di sensori (collegati tramite il protocollo più adatto) si raccolgono i dati più salienti dal terreno.

L’agricoltore potrà beneficiare di un sistema che raggruppa tutte le informazioni, le elabora sulla base di variabili preimpostate e notifica in tempo reale qualsiasi anomalia o problema, sostituendo fogli di calcolo, lavoro di ipotesi e ispezione con stime e previsioni precise.

I dati sullo stato del terreno vengono interpolati con quelli di stazioni meteo e di valori relativi alla coltura. Con un numero appropriato di sensori (la loro tipologia nonché “densità d’installazione” varia da caso in caso) si possono ottimizzare i consumi di acqua, fertilizzanti, antiparassitari, energia elettrica e carburante, mentre la variazione della produzione annua viene stabilizzata sempre più verso la produzione target, sia in termini di quantità che qualità.

Sono possibili servizi di interpolazione con dati GPS dei veicoli e del territorio, per avere a disposizione informazioni precise sul percorso da effettuare durante la fertilizzazione, sapendo in anticipo con precisione dove sia necessario irrigare e dove no. Inoltre l’integrazione con la gestione magazzino (LIFO, FIFO, costo medio) permette all’agricoltore di calcolare il costo preciso delle operazioni, materiali necessari, quantità delle scorte, e dunque di massimizzare il ritorno su ciascun investimento.

Sei un agricoltore?

Desideri maggiori informazioni?

Automazione navale
IOT domotica
IOT yacht
IOT agricoltura
IOT allevamento
IOT industriale
Smart city
Design
Progettazione